PROGETTO "OIKEIÔSIS"

121. 13. Nemo non ex nobis intellegit esse aliquid quod impetus suos moveat: quid sit illud ignorat. Et conatum sibi esse scit: quis sit aut unde sit nescit. Sic infantibus quoque animalibusque principalis partis suae sensus est non satis dilucidus nec expressus.

121. 13. Ciascuno di noi comprende che esiste un qualcosa che muove i propri impulsi, ma ignora cosa sia. Sa di avere un istinto: non sa quale sia la sua natura o da dove nasca. Così anche i neonati e gli animali non percepiscono in modo sufficientemente chiaro e distinto il proprio egemonico.