PROGETTO "OIKEIÔSIS"

121. 14. 'Dicitis' inquit 'omne animal primum constitutioni suae conciliari, hominis autem constitutionem rationalem esse et ideo conciliari hominem sibi non tamquam animali sed tamquam rationali; ea enim parte sibi carus est homo qua homo est. Quomodo ergo infans conciliari constitutioni rationali potest, cum rationalis nondum sit?'

121. 14. “Voi sostenete”, si dice, “che ogni animale entra in connessione, per prima cosa, con la propria costituzione fisica; gli uomini, invece, possiedono una costituzione razionale, e perciò si conciliano con se stessi non in quanto animali, ma in quanto esseri dotati di ragione; infatti, l’uomo è caro a se stesso proprio per quell’aspetto che lo rende tale. E dunque, in che modo può il neonato conformarsi alla propria costituzione razionale, se non è ancora dotato di ragione?"